Professione Social Media Editor: chi è e che cosa fa

postato in: Social Media | 0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

social media editor

Se il tuo sogno è diventare Social Media Manager c’è un passaggio precedente che ti permetterà, forse, di fare il grande salto un giorno, prendere le redini di un brand e diventarne il decision maker sui social media: diventare Social Media Editor. Che non è la stessa cosa del Social Media Manager e non a caso, banalizzando, uno ha la parola Manager nel titolo e un altro non ce l’ha. Non è detto che lavorando come Social Media Editor si diventi automaticamente un Manager e non è detto che un Editor sia in grado di fare il Manager perché le due posizioni richiedono competenze specifiche, non solo tecniche e di expertise ma soprattutto di gestione che non tutti hanno.

Chi è il Social Media Editor?

Il Social Media Editor è la figura che esegue, sui social, la strategia messa in piedi dal Social Media Manager. E’, per farla breve, colui che aggiorna la pagina Facebook, che risponde ai commenti, che risponde ai messaggi privati, che condivide cose e che monitora l’andamento generale di ciò che pubblica sui vari social media. Non prende decisioni ma può essere coinvolto nella definizione delle strategie anche se questo non è il suo compito primario visto che, di fatto, questa figura è quella che esegue gli ordini, mettendo in pratica quello che il Manager ha deciso.

editor social

Cosa fa il Social Media Editor?

* Decide cosa pubblicare e quando, in base alla linea decisa dal suo Manager e in modo tale da rappresentare correttamente il brand e il suo tone of voice. Non si lascia affascinare dagli sponsored posts ma sa dosarli, consapevole che dovrà rispondere al suo Manager sul budget speso.

* Crea i report, li sa leggere (non è così scontato che lo si sappia fare!) e sa passare le informazioni utili al suo Manager in modo, se necessario, di adattare le KPIs alle esigenze della community stessa, a patto di non uscire fuori dai binari.

* Modera commenti, risponde a lamentele, gestisce i rapporti tra la community e il brand.

Che competenze ha un Social Media Editor?

* Non è permaloso
Ebbene sì, un buon Editor sa gestire anche i commenti e le situazioni più pesanti. Immagina cosa succederebbe se fosse permaloso e prendesse ogni critica come una questione personale? Potrebbe non sembrarti una competenza ma quando devi lavorare per una o più aziende e devi gestire situazioni difficili è necessario trattare questo lato della personalità come una competenza da spendere sul lavoro.

* Conosce la community con cui si rapporta
Non conosce solo il brand ma anche la community a cui questo si rivolge e, in base alle linee guida, sa gestire la comunicazione con il suo clan in maniera efficace ed efficiente.

* Conosce i tool per il monitoraggio e sa leggere i dati
Di tutti i tool che utilizza conosce i segreti e anche le funzioni più inutilizzate. Sa tirar fuori grafici da due dati, sa leggere i dati e li sa passare, già elaborati, al Social Media Manager per orientare le sue decisioni e i suoi obiettivi.

* Ha una mente creativa
Il Social Media Editor deve trasformare tone of voice e linee guida in campagne reali e per farlo deve usare tutti gli strumenti che ha a disposizione, creatività in primis, se vuole che la sua campagna abbia successo.

engagement social

* E’ in grado di aggregare
Un buon Social Media Editor è in grado di trasformare una situazione potenzialmente problematica per un’azienda in una situazione di vantaggio, aggregando intorno ad un argomento l’intera comunità.

Che competenze non ha un Social Media Editor?

* Non è un Content Manager o un Web Editor
* Non è un Social Media Strategist
* Non è un SEO/SEM Specialist
* Non è un salesman

Come viene misurato un Social Media Editor all’interno di un’azienda?

Non potendo essere misurato in base a quante vendite genera e a quanti leads porta (o almeno teoricamente non può se l’azienda, come dovrebbe, non considera i social media canali di vendita), il metro di giudizio più utilizzato dalle grandi aziende per misurare il lavoro di un Social Media Editor è l’engagement che riesce a gestire e il “sentiment/reputation” che riesce a convogliare lavorando sui suoi canali.

finger

Come si diventa Social Media Editor?

La professione di Social Media Editor prevede tanta ma tanta esperienza sul campo: un corso di formazione, specifico e pratico, è un buon modo per iniziare ma, e qua lo dico anche contro il mio interesse, conta molto di più guardare altri “attori” del settore, seguire blog appositi e lasciar stare i libri che diventano vecchi già dopo pochi mesi. Newsletter e siti in inglese, case histories da analizzare e tanta osservazione sono gli strumenti migliori per affrontare il mercato. Senza contare il fatto di avere un Manager e una struttura in grado di valorizzarti e valorizzare quello che sai fare. E fai stage se vuoi iniziare: è un ottimo modo per capire se la posizione ti interessa davvero e se hai le basi per andare avanti. Spesso gli stagisti diventano poi Social Media Editors a tutti gli effetti, stipendiati, dopo un periodo formativo di stage.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone